feb 26 2015

Del tasso porcello e di quello canino ma non di quello barbasso

by redazione in Territorio

Del tasso porcello e di quello canino ma non di quello barbasso

Del tasso porcello e di quello canino ma non di quello barbasso di Franco Ressa La storia è presto detta: esiste un animale che si chiama Tasso europeo (meles meles –Linnaeus, 1758) della famiglia dei mustelidi, carnivoro, abitatore di tane anche grandi e labirintiche, presente in Italia solo sulla penisola e non sulle isole. Nel mondo né esistono diversi tipi, cugini di quello che comunemente abita i nostri territori. Ora andando in giro per monti e valli, campagne e colline capita di parlare d’animali selvatici, delle loro abitudini e del loro uso nelle tradizioni culinarie del luogo. Il tasso è sempre stato cacciato e mangiato, esiste una cultura e anedottica varia legata alla caccia, all’allevamento di cani specializzati alla caccia in tana (tipo i famosi Jack Russel) e alla gastronomia, punto focale di molte discussioni.Attualmente la caccia al tasso in Italia è vietata.

Leggi tutto

feb 04 2015

Lunigiana, ad arrampicare in treno, istruzioni per l’uso

by redazione in Territorio

Lunigiana, ad arrampicare in treno, istruzioni per l’uso

Lunigiana, ad arrampicare in treno, istruzioni per l’uso di Franco Ressa Una splendida giornata di sole invernale, l’aria che sale dal mare si mischia a quella che scende dai monti ed invita ad andare verso gli orizzonti che dalla Lunigiana interna si possono ammirare. Il crinale appenninico e le Apuane sono imbiancati dalle brevi nevicate dei giorni passati, le sponde dei torrenti vestiti dal gelo notturno, i prati mischiano, al verde spento dell’erba invernale, il brillante velo della brina. Il cielo verso la costa è limpido come solo in questa stagione può essere.

Leggi tutto

gen 14 2015

In canoa sul Magra una mattina d’autunno

by redazione in Territorio

In canoa sul Magra una mattina d’autunno

In canoa sul Magra una mattina d’autunnno di Franco Ressa L’autunno è un bel momento per osservare l’avifauna di un fiume e il mio kayak è da un po’ che sta in secca, così ho deciso di scendere il Magra e vedere un po’ se riesco a fare incontri interessanti. Il tratto che farò è quello che va da Villafranca a Terrarossa. Una nebbia fitta mi accoglie, tanto che le prime rapide (le uniche un po’ impegnative, comunque non superiori al 2° grado) le sento prima con le orecchie che vederle con gli occhi!Mentre mi stavo preparando per entrare in acqua, qualche centinaio di metri sotto al Castello di Malnido, mi sono quasi spaventato perchè dalla riva si sono alzati in volo, a pochi metri da me, un airone cinerino e un airone bianco maggiore! Cavolo da vicino sono davvero enormi!

Leggi tutto

gen 08 2015

Le due ruote, il motore della Lunigiana

by redazione in Territorio

Le due ruote, il motore della Lunigiana

Che le due ruote di una bicicletta siano il motore della Lunigiana ne è convinta l’Associazione di Turismo Responsabile Farfalle in Cammino, con sede a Pontremoli ma attiva in tutta la Lunigiana e nelle aree limitrofe, che Sabato 11 ottobre 2014 ha organizzato il Convegno BikeWay 2014, L’Italia a due ruote.

Leggi tutto

gen 08 2015

A Pontremoli nel mese di Gennaio si brucia di passione

by redazione in Eventi

A Pontremoli nel  mese di Gennaio si brucia di passione

Se non conoscete la terra di Lunigiana, estrema Toscana, incuneata tra Emilia e Liguria, che delle tre regioni possiede peculiarità che si mescolano con tipicità locali creando un mix unico e assolutamente originale, il mese di Gennaio è un ottimo periodo per visitarla. Oltre ai suoi borghi fortificati, ai suoi castelli, alle sue chiese, ai suoi boschi di Appennino dove praticare escursionismo invernale, ciaspole, mountainbike, offre uno spettacolo unico nel suo genere: i falò di Pontremoli. Pontremoli, uno dei centri più importanti della Valle, ricchissimo di storia, dalla preistoria con il misterioso popolo dei Liguri Apuani e le loro Statue Stele sino ai barocchi palazzi signorili, passando attraverso il Medioevo e la Via Francigena, è ubicato tra i fiumi Verde e Magra, proprio ai piedi del Passo della Cisa, “unica porta e chiave dell’ Appennino”.

Leggi tutto

gen 19 2014

Alla scoperta del Rifugio Città di Sarzana

by redazione in Montagna

Alla scoperta del Rifugio Città di Sarzana

Tra un giorno di pioggia e l’altro, un pò infastiditi dalla amata neve che così tanto si fa attendere quest’anno, domenica scorsa, 12 gennaio, siamo partiti alla scoperta del Rifugio Città di Sarzana ai piedi del Monte Acuto, altro angolo meraviglioso del nostro Appennino. Descrizione del percorso L’itinerario più diretto e semplice per chi arriva dal versante lunigianese ha inizio poco dopo il Passo del Lagastrello, in prossimità dell’invaso artificiale, al confine tra Emilia e Toscana, a 1200 m slm, raggiungibile con strada asfaltata, circa 35 Km da Aulla, attraverso i paesi di Monti, Licciana e Tavernelle. E’ da segnalare poco prima dell’arrivo al passo il complesso abaziale abbandonato di San Bartolomeo di Linari risalente al X secolo, ospitale per i pellegrini diretti da Nord verso Roma.

Leggi tutto

gen 02 2014

Con le ciaspole sul Monte Spiaggi

by redazione in Montagna

Con le ciaspole sul Monte Spiaggi

La neve si fa attendere e chi come noi la ama particolarmente non vede l’ora di poter utilizzare sci, pelli e ciaspole.  Tra i numerosi itinerari che i due versanti di Appennino ci regalano, ve ne presentiamo uno adatto a tutti ma che offre, comunque sensazioni e viste da grande escursione: la salita con ciaspole alla vetta del monte Spiaggi (1554 m slm) dal Passo dei Due santi – Stazione scistica di ZumZeri. Dalla vetta del monte una bellissima vista sulla Lunigiana, l’Appennino Tosco Emiliano dal Monte Braiola sino all’Alpe di Succiso e oltre, le Alpi Apuane, il Mar Tirreno e l’alta Val Taro. Descrizione del percorso L’itinerario ha inizio dal Passo dei Due Santi,al confine tra i Comuni di Zeri (Ms), Pontremoli (Ms) e Albareto (Pr),1400 mslm, raggiungibile con Strada Provinciale, circa 35 minuti da Pontremoli, attraverso i paesi di Noce, Patigno e Valditermine. In particolare in caso di neve è importante avere un’automobile con dotazioni invernali, utili soprattutto dopo il paese di Valditermine. Dal Passo si abbandona il rifugio delle piste da sci e si imbocca il sentiero, ben segnalato, subito affianco di una cappella.

Leggi tutto

set 02 2013

CASTAGNABIKE 2013, aperte le iscrizioni!

by redazione in Eventi, News

CASTAGNABIKE 2013, aperte le iscrizioni!

Si avvicina il decimo anniverso della CASTAGNA BIKE, raduno mtb organizzato dal negozio DueRuote di Villafranca Lunigiana, diventato negli anni uno dei più importanti nell’intero panorama nazionale. Divertiemento, allegria, sport, natura e MTB, tanta MTB, sono gli ingredienti vincenti di questa festa tra amici! Anche quest’anno Emanuele e il suo staff hanno inserito novità per rendere l’edizione dei 10 anni ancora più bella. Ai servizi consueti delle passate edizioni, si aggiunge un terzo percorso, medio, adatto a chi ha confidenza con le ruore grasse ma non se la sente di affrontare il percorso lungo. Rimangono, inoltre, il percorso lungo e il percorso corto, adatto anche alle famiglie. Ques’anno, inoltre, cavalcando la grande novità delle e-bikes, le bici a pedalata assistita, ci sarà anche la Castagna E-Bike, un quarto itinerario, su asfalto, assieme ad una guida, che permetterà a tutti di scoprire i passaggi più belli della Castagna Bike in sella alla propria bicicletta a pedalata assistita. Non rimane che godere del senso di libertà che la bicicletta sa regalare. L’appuntamento è per DOMENICA 13 OTTOBRE, Selva di Filetto ma le iscrizioni sono già aperte on-line e presso il negozio DueRuote, Via Aldo Moro 94, Villafranca Lunigiana. VAI AL SITO

Leggi tutto

ago 07 2013

In uscita la prima Guida alla Via degli Abati – da Pavia a Pontremoli e ritorno

by redazione in Cultura

In uscita la prima Guida alla Via degli Abati – da Pavia a Pontremoli e ritorno

8 giorni a piedi o in bicicletta attraverso gli Appennini sulle orme degli abati di San Colombano:  dalle colline dell’Oltrepò pavese e delle valli piacentine del Trebbia e del Nure, a quelle parmensi del Ceno e del Taro, fino alla val di Magra. Attraverso località storiche suggestive come Bobbio, con la sua celebre abbazia, il castello medievale di Bardi e Pontremoli, in alta Lunigiana.   La guida descrive il percorso viene nei due sensi di marcia, per chi parte da Pavia e diretto a Roma, e per chi invece preferisce partire da Sud: un percorso conosciuto anche come Variante di montagna della Via Francigena, interessante alternativa per i pellegrini.   Con le cartine dettagliate, la descrizione dei luoghi più significativi da visitare, percorsi, e le storie legate a san Colombano e agli abati di Bobbio. Scopri sul nostro sito un tratto della Via degli Abati da Cervara alle Cascate di Farfarà Pontremoli, 13 agosto 2013, ore 17:30, Piazzetta della Pace (Piazzetta del Comune). Presentazione della Guida alla Via degli Abati – da Pavia a Pontremoli e ritorno di Niccolò Mazzucco, Luciano Mazzucco e Guido Mori  

Leggi tutto

lug 12 2013

150 anni del CAI: si accende la croce sul Marmagna

by redazione in Montagna

150 anni del CAI: si accende la croce sul Marmagna

2013, il Club Alpino Italiano, Cai, compie 150 anni e le Sezioni in tutta Italia festeggiano. Il nostro Appennino, da una parte e dall’altra, non è da meno. Diverse le iniziative organizzate dalla Sezione Cai di Parma e dalla Sezione Cai di Pontremoli con le sottosezioni di Filattiera e Pontremoli. La più “luminosa” di tutte è certamente quella messa in campo dalla sezione pontremolese: l’illuminazione della croce metallica sulla vetta del Monte Marmagna a 1852 m slm. Grazie al lavoro di progettazione, organizzazione e gestione del presidente della Sezione Emanuele Fenucci e al lavoro di braccia dei tanti soci che hanno trasportato il materiale fin sulla vetta, da qualche giorno da tutta la Lunigiana e dalla Val Parma è visibile la croce illuminata. Il tutto è stato realizzato con l’impiego di pannelli solari, batterie di accumulo e luci led montate sull’alta struttura metallica.  Già nell’anno 2000, ma con attrezzatura più pesante e ingombrante che aveva richiesto l’aiuto dell’elicottero per il trasporto, il Cai Pontremoli aveva illuminato la croce, in occasione del Giubileo e ora si ripete per festeggiare i 150 anni del Cai nazionale. Sempre all’interno dei festeggiamenti, oggi, Sabato 13 Luglio, è in programma una salita pomeridiana alla vetta da entrambi i versanti delle due sezioni Cai. Sotto la croce sarà celebrata una messa e si attenderà l’illuminazione della croce all’imbrunire grazie a sensori crepuscolari montati sull’impianto. Ancora una volta il nostro Appennino unisce e non separa i due versanti! Per scoprire di più sulla croce del Monte Marmagna e sulla sua storia vi segnaliamo l’apposita sezione del sito del cai di Pontremoli. Se non siete mai stati lassù questa è l’estate ideale!

Leggi tutto